Per anomalie bancarie e finanziarie si intende:

  • l’anatocismo, cioè la creazione di ulteriore guadagno dagli interessi applicati su un capitale, rendendoli a loro volta produttivi di altri interessi;
  • l’usura, cioè una richiesta di interessi, spese e commissioni troppo esosa in relazione a tipo ed all’entità della prestazione ed alle dinamiche finanziarie del mercato;
  • la truffa contrattuale, cioè una mendace informazione sulla rischiosità delle operazioni concluse;
  • la fideiussione esagerata, cioè che eccede i limiti dell’obbligazione principale o che è prestata a condizione più onerose del dovuto.

Diventa fondamentale difendersi adeguatamente e legalmente dalle conseguenze derivanti dalle anomalie sopra indicate.

Beneficiari del servizio:
Tutti: società di persone e di capitali; ditte individuali; persone fisiche; privati e famiglie.

Tipologia di servizio:
Verifica del trattamento fornito dall’Istituto Bancario cui ci si affida:

  • individuando l’eventuale esistenza di anomalie;
  • richiedendo, successivamente, la restituzione di quanto indebitamente corrisposto all’Istituto Bancario stesso.

attraverso l’analisi di:

  • Anomalie bancarie: ANATOCISMO e USURA sui conti correnti;
  • Irregolarità fiscali: ATTI IMPOSITIVI (es. cartelle esattoriali);
  • Anomalie finanziarie: DERIVATI, SWAP, MUTUI, LEASING.

Metodologia di attuazione del servizio
E’ un processo codificato e certificato che si articola in una duplice fase:

  • La prima a titolo gratuito, consistente in una preanalisi contabile volta a verificare la sussistenza di anomalie bancarie, assicurative, finanziarie, contrattuali e/o l’applicazione di eventuali interessi ultralegali (anatocismo e/o usura);
  • La seconda, solo eventuale e su richiesta scritta del potenziale cliente, a titolo oneroso, che si propone di tradurre l’accertata anomalia in una perizia econometria utile a richiedere la restituzione di quanto indebitamente corrisposto.